Niente di vero dunque, il sessantenne che aveva denunciato al 118 di essere stato aggredito nella propria abitazione di Castelfidardo da un malintenzionato si è inventato tutto.

I Carabinieri hanno trovato diverse incongruenze nel suo racconto dettagliato dei fatti. E’ stato l’uomo stesso, messo alle strette dai militari dell’arma, ad ammettere la non veridicità di quanto da lui affermato in un primo momento.



inventatoIn realtà il sessantenne si sarebbe ustionato versandosi addosso, accidentalmente, una pentola con dell’acqua bollente.

Quando i Carabinieri hanno cominciato ad indagare – non trovando per altro nella sua abitazione alcuna traccia di acido – il pensionato si è mostrato prima reticente, ma poi alla fine ha confessato la verità.

A quanto pare l’uomo era anche in uno stato alterato dall’alcol. Resterà comunque ricoverato in ospedale per le ustioni. La prognosi è di 15 giorni, ma rischia di essere denunciato per procurato allarme.

Luca D’Innocenzo

CONDIVIDI