Atletica. Ad Abbadia di Fiastra il Campionato italiano di campestre

atletica leggera Atletica. Ad Abbadia di Fiastra il Campionato italiano di campestreIl Consiglio Federale ha definito la sede per i Campionati italiani individuali di corsa campestre, massimo appuntamento del calendario nazionale: si svolgeranno nella splendida cornice dell’Abbadia di Fiastra, domenica 10 febbraio 2013, con l’organizzazione affidata all’Atletica Avis Macerata. La Riserva naturale Abbadia di Fiastra comprende ben 1825 ettari di terreni e si trova nel cuore delle Marche, tra i comuni di Tolentino e Urbisaglia, nella bassa valle del Chienti: sarà quindi un evento che coinvolgerà la provincia di Macerata.

Nel 2012 l’Abbadia di Fiastra ha ospitato il campionato regionale individuale di corsa campestre per le categorie ragazzi (under 14) e cadetti (under 16), valido come 2° Cross della Selva. In questa sede si assegneranno 8 maglie tricolori, in particolare quelle assolute, oltre ai titoli italiani delle categorie giovanili: promesse (under 23), juniores (under 20) e allievi (under 18), sia al maschile che al femminile. Sarà l’edizione numero 98 della rassegna, per la terza volta nelle Marche, dopo il 1967 (Ascoli Piceno) e il 2009 (Porto Potenza Picena). Il direttore tecnico dell’Atletica Avis, Franco Lorenzetti, ha spiegato l’iniziativa: “Intendiamo coinvolgere un ampio pool organizzativo – spiega – per comprendere la Regione Marche, la Provincia di Macerata e i Comuni di Macerata, Tolentino e Urbisaglia, insieme alla Fondazione Giustiniani Bandini che gestisce la Riserva naturale e a Banca Marche, oltre naturalmente a tutte le strutture territoriali dell’Avis”.

Quindi la Giunta tolentinate ha deliberato la concessione del Patrocinio del Comune di Tolentino, preparandosi a vivere da protagonista l’evento più importante della stagione agonistica invernale dell’atletica leggera italiana che vedrà la partecipazione di oltre 1.000 atleti e altrettanti fra tecnici ed accompagnatori e che sarà trasmesso in diretta televisiva su Rai Sport e sulle altre emittenti televisive regionali.

Ed il 2012 è stato un anno importante per l’atletica leggera marchigiana, che ha visto nuovamente l’atletica marchigiana in primo piano, nel panorama nazionale e anche internazionale: 45 volte sul podio tricolore, assoluto o giovanile, di cui 18 sul gradino più alto. E poi 16 maglie azzurre, indossate in giro per il mondo. Due atleti sono riusciti a conquistare per tre volte la maglia di campione d’Italia, cogliendo la prima vittoria della carriera in ambito assoluto: il discobolo ascolano Eduardo Albertazzi e il saltatore in alto Gianmarco Tamberi, anconetano di Offagna, capace di realizzare il record nazionale under 23 e di partecipare ai Giochi Olimpici di Londra, dopo essersi piazzato quinto in finale agli Europei di Helsinki.

Ma c’è stata una splendida doppietta di titoli giovanili anche per la mezzofondista Eleonora Vandi, allieva pesarese, e inoltre per Enrica Cipolloni nelle prove multiple e Sara Pizi nel martello, entrambe promesse sambenedettesi. Poi le affermazioni tricolori in diverse specialità, per merito di Elisa Copponi (10 km allieve), Giovanni Mantovani (60 ostacoli promesse indoor), Barbara Cimmarusti (50 km di corsa su strada), e di altri atleti provenienti da club della regione come Stefano Massimi (1500 promesse), Giovanni Faloci (disco invernale) e Gianluca Tamberi (giavellotto promesse invernale).

Nei Campionati italiani under 18 per società, la Tecno Adriatletica Marche ha raggiunto la massima serie tricolore sia nella rassegna su pista (chiusa al dodicesimo posto) che in quella di prove multiple (sesta), invece l’Atletica Avis Macerata si è aggiudicata il Trofeo nazionale cadetti di marcia. Altri piazzamenti di rilievo nei Societari di corsa campestre, con la sesta posizione della Sef Stamura Ancona nel cross corto maschile, e nel Campionato per società di corsa, che tra gli uomini ha visto l’Atletica Potenza Picena sesta e l’Atletica Recanati settima. La rappresentativa cadetti delle Marche si è imposta nel Memorial Musacchio a Campobasso, al termine di un’attività molto articolata nell’arco della stagione, sotto la guida del fiduciario tecnico regionale Mauro Ficerai.

Simone Baroncia

Pubblicato da nel 21 gennaio 2013. Archiviato sotto Macerata. È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia un Commento