La sala Ciarrocchi della Pinacoteca civica “Marco Moretti” di Civitanova Marche ospita, domani 9 dicembre, la presentazione dei calendari d’arte 2018 realizzati dalla Grafiche Fioroni. L’appuntamento è previsto alle 17 ed è a ingresso libero.



L’azienda, fondata a Civitanova Marche, ma ora operativa a Casette d’Ete, come tradizione realizza ogni anno un calendario tematico che si ispira al mondo culturale del nostro territorio. Lo scorso anno aveva dedicato il suo lavoro ad Arnoldo Ciarrocchi, ricordandolo a 100 anni dalla nascita (1916), con una selezione di sue opere, una per ogni mese.

Intanto la Pinacoteca si sta preparando per l’inaugurazione, prevista domenica 17 dicembre alle 16, della mostra ‘Recuperata Ars’, voluta dal Comune di Civitanova Marche, Assessorato alla Cultura, e dall’Azienda dei Teatri.

Saranno esposte nello Spazio Multimediale San Francesco a Civitanova Marche Alta, fino al 25 febbraio 2018, quattordici opere provenienti da Fermo, Ascoli Piceno, Arquata del Tronto e Civitanova Marche, grandi tele di eccellente fattura e importanti sculture, recuperate dalle macerie dopo i sismi del 2016.

arsÈ un’esposizione tanto voluta e desiderata – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Maika Gabellieri – . con esemplari del territorio ferito dal terremoto e che ha visto impegnati i nostri vigili del fuoco e i nostri militari nelle operazioni di recupero”.

I manufatti vanno dal XVII al XIX secolo e sono inseriti all’interno di un inedito percorso espositivo integrato da documentari, proiezioni e da una colonna sonora che proporrà pezzi di musica classica scelti dal repertorio dei più noti compositori marchigiani.

“Abbiamo selezionato alcuni artisti che raccontano le Marche – ha affermato Enrica Bruni, direttore della Pinacoteca civica – , terra ricca di tesori d’arte importanti, sparsi su un territorio a maglie strette: ogni Paese ha una grande tela o uno scultura di rilievo”.

L’allestimento è curato da Marco Pipponzi: “Ho cercato di ricreare il contesto di un cantiere, come per rivivere i momenti in cui le opere sono state tirate fuori dalla macerie. L’impatto è essenziale, l’illuminazione è spontanea con fari, e deve dare il senso della precarietà. Va visto l’oggetto nella sua totalità, per apprezzarlo in pieno, in attesa del restauro”.

Le aperture previste nel mese di dicembre sono nei giorni: 17, 23, 24, 26, 30 e 31, dalle 17 alle 20. Conclude la presidente TDC Silvia Squadroni: “La mostra vuole mantenere intatta la bellezza dell’arte dei territori colpiti dai sismi e rilanciarla. È la nostra storia, va mantenuta”.



Ingresso libero, costo del catalogo 10 euro. Info: Pinacoteca civica Marco Moretti 0733-891019; info@pinacotecamoretti.it.

Redazione – la Scansione.net

Nella foto da sinistra Marco Pipponzi, Enrica Bruni, Maika Gabellieri, Silvia Squadroni e Giovanna Capodarca Agostinelli

CONDIVIDI