Tariffa idrica unica e approvazione del bilancio di previsione per l’Aato3 di Macerata e dei comuni a sud nella provincia di Ancona. Per la tariffa unica d’ambito si compie così un altro passo in avanti ed è effettiva essendo entrata in vigore per competenza nell’anno in corso.



Le tariffe dovrebbero abbassarsi del 2% per Osimo e Recanati e dell’1% per Macerata. Con questa decisione si rende uniforme la tariffa dell’acqua per tutti i cittadini togliendo ingiuste agevolazioni e permetterà ai comuni di procedere ad una programmazione unica per tutto il territorio.

In particolare la tariffa unica d’ambito sarà applicata in tutta la fascia collinare e marittima dell’Ato3, con decorrenza retroattiva dal 1° gennaio dello scorso anno. Rimane esclusa la parte montana nei cui comuni continuerà ad essere applicata la struttura tariffaria attuale. L’assemblea dei sindaci ha approvato il bilancio di previsione.

idricaL’Aato3 è in salute, non avendo debiti con le banche e potendo disporre di un discreto avanzo. Tra le note positive va registrato la conferma del ristorno del 3% dei ricavi ad un fondo per gli investimenti nelle zone montane.

In 10 anni al territorio interno sono stati stanziati € 15.000.000 di investimenti in infrastrutture, nuovi impianti, rifacimento della rete ed interventi sulle fogne, come ha evidenziato il direttore Massimo Principi:

“E’ una decisione che ha comportato risultati importanti per gli investimenti dei comuni montani che altrimenti non si sarebbero potuti fare. Aggiornamento di reti ed impianti hanno influito positivamente sulla qualità dell’acqua e della distribuzione. Ai sindaci sta molto a cuore la salute dei cittadini”.



Obiettivo dell’Aato3 è quello di assicurare interventi che servano ad erogare servizi con livelli di qualità sempre crescenti. Gli investimenti previsti permetteranno un adeguamento delle infrastrutture, soprattutto in termini di riduzione delle perdite idriche.

Simone Baroncia

CONDIVIDI