Si è acceso di note ed energia il festival “Sibillini Live– Percorsi culturali per la ricostruzione”, la kermesse itinerante organizzata da Arci Marche in collaborazione con Comuni, associazioni e artisti locali e nazionali e sotto la direzione artistica di Musicamdo, nata nell’ambito dell’Accordo di Programma Mibact – Regione Marche per i progetti e le attività culturali nei territori della Regione interessati dagli eventi sismici 2016.



Tappa dello scorso weekend infatti quella domenicale a San Ginesio che ha visto sfilare nel nome della solidarietà artisti del calibro di Radiodervish, Paolo Benvenù, The Niro e tantissimi altri. Una maratona musicale iniziata alle 14.30 e finita in tarda serata che ha richiamato numerosi fan e appassionati della scena musicale indipendente italiana.

Questo weekend torna l’energia e la poesia con due appuntamenti imperdibili.

Sabato 4 novembre alle ore 21.30 presso il Teatro Feronia di San Severino Marche, salirà sul palco Donna Ginevra Di Marco, una delle voci femminili italiane più belle e amate, massima esponente della world music e nuovo folk italiano, ex voce femminile del Consorzio Suonatori Indipendenti (C.S.I.).

Il suo contributo per Sibillini Live è nel nome della grande cantante argentina Mercedes Sosa, e nel suo live ripercorrerà i più importanti momenti della carriera de “la Negra” cantando le più belle canzoni da lei interpretate.

Lo spettacolo è stato pensato, arrangiato e prodotto con Francesco Magnelli e Andrea Salvadori. Da qui nasce il nuovo album “La Rubia canta La Negra”  vincitrice della Targa Tenco 2017.

Un concerto fortemente simbolico che vuole infondere, attraverso le canzoni della Sosa, un po’ di quel vento di speranza che lei ha saputo spandere su tutta la Terra. L’ingresso è gratuito (info e prenotazioni Tel. 0733/638414)

La domenica invece si torna a teatro ad Amandola, all’interno del Festival Diamanti a Tavola. Alle ore 21, il duo di performer Bartolini/Baronio si fa protagonista di uno spettacolo frutto di un progetto di residenza artistica. “Redreading #9 viva la vida!- pratiche di cambiamento per un’altra felicità” è un progetto di TU Tenerezze Urbane – comunità creative, di Sabrina Maggiori.

Il lavoro si snoda a partire dalla potenza di immaginare un paese che abbia come obiettivo principale il diritto di tutti alla felicità. A guidare il progetto è il libro “La felicità al potere” di Pepe Mujica. Quel “Pepe”, guerrigliero tupamaro, arrestato durante la dittatura, rimasto in carcere per quattordici anni nelle condizioni più disumane. Quel “Pepe” che torna cittadino libero e continua la sua attività politica, che non spezza il filo con le ragioni e i principi di quella battaglia, che diventa presidente dell’Uruguay e continua a coltivare fiori.



Partendo dal ragionamento che Mujica fa sulla felicità, sul tempo, sulla vita e sull’idea di un governare, si attraversa la sua vicenda personale per raccontare la storia di un’America Latina che nonostante le contraddizioni, le ferite aperte, le dittature militari, resta uno dei più interessanti laboratori di pratiche di cambiamento capaci di trasformare il presente, immaginare il futuro e costruire altre forme di società.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI