Un incontro esilarante, quello con il critico Vittorio Sgarbi, al Teatro Persiani di Recanati nella tarda mattinata di sabato 1 luglio nell’ambito dell’evento “In Festa con Giacomo”.



Il critico ha annunciato al numeroso pubblico ed ai giornalisti presenti, la sua prossima mostra a Recanati che racconterà il rapporto ideologico tra l’artista Lorenzo Lotto e il poeta Giacomo Leopardi, figura ovviamente analizzata da Vittorio Sgarbi, insieme al suo rapporto con la famiglia, la religione e la poesia, evidenziando soprattutto la forte attualità dei suoi pensieri e il legame con i temi della psicanalisi.

“Oggi Leopardi – ha sottolineato Sgarbi – è visto come “un pensatore unico”. Nella sua poetica ha parlato di tutti noi parlando di se stesso e del suo disagio, offrendoci quella dimensione di uomo che lo rende oggi uno dei pochissimi autori del passato ad essere letto con successo fuori anche dagli studi scolastici”.

“Ci sono affinità psicologiche forti tra Lotto e Leopardi – ha spiegato Sgarbi – e questa mostra permetterà al visitatore di avere una visione nuova e stimolante di questi due formidabili artisti vissuti a Recanati. La mostra è una felice intuizione che da tempo ho in mente: per la prima volta due percorsi turistici paralleli, chi viene per la poesia di Leopardi e chi viene per ammirare l’arte di Lotto, vengono convogliati insieme”.

“Nei prossimi giorni inizieremo una selezione delle opere possibili da portare a Recanati. Sarà un dialogo di anime inquiete e di grande sensibilità. Credo che sarà una piccola rivoluzione che rientra nella nuova metodologia di mostre di questi ultimi anni. La mostra aprirà verosimilmente il prossimo autunno”.



Il programma di “In Festa con Giacomo” è proseguito nella giornata di domenica 2 luglio con visite, degustazioni in città e altri due ospiti illustri: Valerio Magrelli alle 18.30 con “Poesia oggi” e Tullio Solenghi con il suo “Decameron” alle 21.30.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI