Al multiplex Giometti di Tolentino giovedì 29 novembre alle ore 21.15 si chiude il secondo ciclo della rassegna cinematografica ‘La decima musa’, in collaborazione con Unitre e l’introduzione alla visione filmica del prof. Alberto Cingolani, con il film ‘Chesil beach’ del regista Dominic Cooke.



Basato sul romanzo best-seller di Ian McEwan, la pellicola racconta la storia dell’amore tra la ricca e ambiziosa violinista Florence e il modesto e promettente storico Edward, prigionieri dei tabù di un’epoca e delle convenzioni familiari e sociali nell’Inghilterra dei primi anni ‘60, pochi anni prima della rivoluzione sessuale.

Mancava solamente un anno all’uscita dell’album ‘Please Please Me’ e quindi allo scoppio della Beatlemania e alla rivoluzione sessuale, ma l’Inghilterra era ancora un ricettacolo di tabù, regole da rispettare, convenzioni da seguire.

chesil beachL’intelligenza del romanzo di partenza, come pure del film, sta nell’essere riuscito a fotografarla e raccontarla con precisone da entomologo e contemporaneamente con struggente poesia, in un melò nel quale i sentimenti, prima di esplodere, implodono.

Una pellicola che ben ritrae la mentalità e soprattutto la morale chiusa e bigotta del tempo, quella, cioè, degli anni ‘50/60 in cui era ritenuto disdicevole affrontare argomenti concernenti il sesso ed avere, finchè non coniugati, in generale qualche benché minima nozione di educazione sessuale, creando così false ‘credenze’, molte paure ed eventuali conseguenti infelicità nei rapporti con il sesso opposto.



Il film, strutturato come quasi una pièce teatrale, dove le scene sono confinate tutte in spazi ristretti, quali la camera d’albergo o la spiaggia deserta, è interamente pervaso da un’atmosfera di struggente malinconia che, peraltro, ben si accorda al grigiore del clima della località balneare inglese di Chesil Beach, e se la pellicola risulta apprezzabile è proprio per queste caratteristiche che rendono l’opera intima ed in un contesto privato dove, quasi, lo spettatore sembra prendere parte.

Simone Baroncia

CONDIVIDI