Si è aperta la festa nazionale di Copagri, “Agricoltura in festa”. Tanta gente ieri pomeriggio al Castello della Rancia per il primo convegno in programma nel corso della tre giorni della manifestazione, ospitata nella città di San Nicola proprio per dare un segno di rinascita al territorio colpito dal sisma.



Nel primo pomeriggio di ieri si è tenuto il consiglio generale di Copagri con il presidente nazionale Franco Verrascina. Per l’occasione sono così giunti a Tolentino delegazioni provenienti da ogni parte d’Italia. Particolare interesse ha destato il convegno di apertura della festa che si è tenuto all’auditorium Massi.

Nel corso dell’evento “Agricoltura 4.0 – Blockchain ed analisi isotopica – La nuova frontiera per la tracciabilità dei prodotti made in Italy” sono stati affrontati alcuni aspetti molto importanti per tutta la filiera agricola, cioè la sicurezza del prodotto finale, la tracciabilità, la difesa del made in Italy e la lotta della contraffazione.

di copagri<<Stanno emergendo – dice Andrea Passacantando, presidente di Copagri Macerata, che ha coordinato l’incontro – delle applicazioni di tecnologie nuove come quella della Blockchain e dell’analisi isotopica. Siamo nell’era di una rivoluzione tecnologica e il tema della Blockchain è solo agli inizi ed è importante mettere a fuoco tutte le opportunità di business per cogliere i benefici di questa nuova tecnologia che cambierà nei prossimi anni la nostra quotidianità. Un argomento di importanza internazionale che è stato raccontato da esperti e professionisti del settore che hanno presentato in anteprima nazionale casi concreti legati alla filiera agroalimentare.>>

Il docente Roberto Gunnella del dipartimento di Fisica dell’Università di Camerino ha parlato dell’analisi isotopica delle filiere agroalimentari come strumento di tracciabilità del prodotto ed indicazione geografica di provenienza, mentre Fabio Fabiani, Ceo di Eggchain, del Blockchain e tracciabilità della filiera di produzione e consumo del vino, Sabrina Poggi, Ceo del Circuito di credito regionale Marchex, della moneta complementare e filiera agroalimentare del circuito.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con la Camera di commercio di Macerata ed il comune di Tolentino.Oggi è in programma un secondo convegno, sempre al Castello della Rancia con inizio alle 9.30 che si aprirà con un concerto di pianoforte a quattro mani del duo Romanelli Allevi.

L’incontro sarà introdotto da Giovanni Bernardini, presidente di Copagri Marche, sul tema “Agricoltura e turismo enogastronomico per la rinascita del territorio”. Interverranno la vicepresidente della Giunta della Regione Marche Anna Casini; Alessio Cavicchi, docente dell’Università di Macerata; il presidente nazionale della Copagri Franco Verrascina.

“Agricoltura in festa”, che chiuderà i battenti domani sera, si articolerà in una serie di interessanti iniziative, quali tavole rotonde, approfondimenti, laboratori del gusto e artigianali, concerti musicali, mostre-mercato, degustazioni enogastronomiche ed esibizioni folkloristiche.

di copagriOggi alle 13.30 ci sarà il taglio del nastro all’area mercato delle aziende agricole di Abbadia di Fiastra di Tolentino ed Urbisaglia, con oltre 50 espositori ed ovviamente alcuni dei quali di birra agricola.

Ci saranno anche dei momenti dedicati all’intrattenimento con il concerto degli Starfield Connection alle 17.30 di oggi, fino ad arrivare al gruppo folkloristico de Li Pistacoppi dalle 10 ed alle 15 di oggi ed allo spettacolo della Riccardo Foresi & That’s Amore Swing Orchestra, in programma alle 17 di domani.

In questa edizione, inoltre, un grande spazio sarà dedicato ai più piccini con gonfiabili ed animali. Tante iniziative per far conoscere il territorio.

<<Le Marche sono tra le regioni più belle d’Italia, purtroppo il terremoto ha inferto una grande ferita, che può essere guarita non dimenticando, ma cercando di superare le difficoltà.>>



Giovanni Bernardini, presidente di Copagri Marche conclude: <oggi queste zone sono in forte difficoltà a riportare visitatori e turisti, che sono alla base per una ripartenza economica di un territorio.>>

Carla Passacantando

CONDIVIDI