Durante l’Angelus di domenica scorsa papa Francesco nel salutare con gioia l’Acr di Roma accorsa per la Festa della Pace, ha invitato i ragazzi a non stancarsi di essere ‘strumenti di pace e di gioia’.



Proprio partendo da questo invito del papa anche l’Azione Cattolica diocesana ha voluto organizzare la festa della pace con il titolo ‘Scatti di pace’ sabato 3 febbraio alle ore 15 presso la parrocchia ‘Santa Famiglia’ di Tolentino, scelta per testimoniare vicinanza alle persone del quartiere della città duramente colpito dal terremoto del 2016.

In questo tempo pomeridiano mentre i bambini delle elementari ‘fotograferanno’ attraverso i giochi alcune situazioni di pace e di guerra, e i ragazzi delle medie, tempo permettendo, visiteranno il quartiere, gli adulti invece ascolteranno le testimonianze di chi ha aperto le porte all’ospitalità verso le persone che non avevano più una casa dove abitare, finendo per trasformare un momento comunque drammatico per la collettività anche in una speciale occasione di fraternità.

In questo percorso, dopo il saluto iniziale del parroco don Diego Di Modugno, si alterneranno le testimonianze del sindaco della città, Giuseppe Pezzanesi, e di alcuni ‘volontari’ che hanno messo a disposizione il loro tempo per dedicarlo a chi era in difficoltà, come racconteranno don Sergio con Marco e Milena Massucci, che hanno animato l’accoglienza nella parrocchia ‘Spirito Santo’;

azione cattolicaMentre dalla parrocchia ‘Santissimo Crocifisso’ Chiara Ramo, con le cantanti Irene Profeta e Francesca Matteucci, presenteranno l’esperienza dei giovani che hanno girato il video ‘La mia vita è qui’; infine Roberta Porfiri descriverà l’esperienza dei gemellaggi con alcune parrocchie italiane, che hanno espresso solidarietà donando materiali per le attività della parrocchia.

L’iniziativa rappresenta l’occasione per guardare alla realtà che ci circonda e, in una prospettiva allargata, a quella mondiale, con l’occhio di chi si fa attento ai bisogni, soprattutto il bisogno di pace e nel contempo riesce a scorgere il bello, laddove esso si manifesta.

Questo evento si inserisce, quindi, perfettamente nella manifestazione nazionale ‘Scatti di pace’ che l’Azione Cattolica dei Ragazzi, propone in questo periodo a tutte le diocesi italiane promuovendo in particolare un progetto di solidarietà che ha incontrato la realtà di ‘Terre des Hommes’, la federazione internazionale di 11 organizzazioni nazionali impegnate nella difesa dei diritti dei bambini e nella promozione di uno sviluppo equo.



Il progetto è finalizzato al sostegno di oltre 200 bambini con disabilità fisiche e/o mentali, rifugiati nel territorio di Erbil, in Iraq, per migliorare le loro condizioni di vita e quelle delle loro famiglie offrendo supporto psicologico e un servizio di fisioterapia a domicilio; ed aumentare la sensibilizzazione, la capacità di accoglienza e l’integrazione delle persone con disabilità da parte della comunità locale.

Simone Baroncia

CONDIVIDI