Daje Marche é stato premiato a Fabriano, il gruppo sorto pochi giorni dopo il terremoto dello scorso anno, insieme a Marco Scarponi che ha annunciato la costituzione di una Fondazione nel nome del fratello Michele, per la prevenzione degli incidenti stradali alla 21^ edizione del Premio ‘Gentile’, ricordando il ventesimo anniversario del sisma umbro-marchigiano che ha permesso il restauro dell’artistico ‘scrigno’ dell’Oratorio della Carità.



I tolentinati Paolo Isabettini ed Ambra Ruggeri, insieme con un gruppo in rappresentanza dei 130 amici di ‘Daje Marche’, hanno raccontato un’esperienza unica di rinascita e di successo:

daje marche“Quando sono andato da chi non aveva più né ristorante, né negozio, né bottega artigiana, né ufficio dopo le scosse di un anno a dire che era possibile rimettersi in piedi da subito e ripartire il giorno dopo, mi sono visto guardare come un extraterrestre.

Tornato a casa, i dubbi sono venuti a me. Avevo solo una risorsa: la rete! Ho chiamato a raccolta tutti i giovani di buona volontà a cominciare da comunicatori, grafici, continuando con le altre professioni: c’era un e-commerce da esplorare.



Mi hanno risposto in centotrenta, alla fine. Abbiamo duecento ditte in rete, un fatturato ora di trecentomila euro, e diecimila pacchi spediti: siamo in venti in un container che ne può ospitare solo quattro. Ma che importa?! Le eccellenze del Maceratese, delle Marche viaggiano con noi, la nostra ricostruzione l’abbiamo avviata: Daje Marche!”.

Simone Baroncia

CONDIVIDI