Da sabato 2 marzo Fausto Pezzanesi, all’Urbanistica e Silvia Tatò alla Cultura sono i nuovi assessori scelti dal sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, dopo aver rimosso nei giorni scorsi Alessandro Massi e Alessia Pupo, come ha precisato in conferenza stampa il sindaco:

“La politica è una brutta bestia; è fatta di decisioni a volte amare, ma anche di coerenza, rispetto e condivisioni di intenti. Torno a dire, dispiace per Alessandro Massi, nei confronti del quale posso dirmi padre e fratello. Nessuno ha deciso per l’Istituto comprensivo Don Bosco: stiamo ancora valutando tutte le possibili opzioni.



Gli € 8.000.000 che andranno investiti, su iniziativa dello Stato, per ripristinare la sicurezza degli edifici scolastici non vanno dilapidati. L’amministrazione dovrà procedere con senno e discrezione in argomento.

Per quanto riguarda Alessia Pupo, la politica è fatta anche di numeri. Io non ho alcun problema con Forza Italia: è una questione esclusivamente interna al comune di Tolentino. Ho avuto l’obbligo di mantenere il Consiglio comunale compatto: potrà pur non fare piacere, ma bisognava intervenire in qualche modo”.

La presidenza del Consiglio sarà proposta con ogni probabilità al consigliere Carmelo Ceselli dallo stesso sindaco Pezzanesi, secondo la precisazione dello stesso Ceselli: “Non abbiamo richiesto alcun assessorato, ma se dovesse giungere dal sindaco una proposta che ci riguarda, saremo ben lieti di accettarla”. La nomina avverrà soltanto dopo votazione in assise consiliare martedì 19 marzo.

nuovi assessoriIl neo assessore Fausto Pezzanesi ha commentato la nomina: “Un momento di passaggio che accetto non per vanagloria ma per spirito di servizio. Lascio la presidenza del Consiglio con grande dispiacere: la massima espressione della democrazia, per quanto mi riguarda, dove si respira libertà di pensiero e di espressione. Restano la soddisfazione e la riconoscenza per essere stato investito di un incarico di così grande spessore”.

Anche Silvia Tatò ha commentato positivamente il nuovo incarico: “Ringrazio il sindaco per la fiducia riposta in me e nelle mie capacità. Il mio impegno sarà vivo, rivolto al servizio della comunità, per apportare un contributo fattivo alle due deleghe che mi sono state conferite. Istruzione e cultura sono alla base di ogni rinascimento sociale ed economico”.

Ed in un comunicato stampa il neo assessore Silvia Tatò e il consigliere Andrea Crocenzi hanno chiarito la propria posizione nei confronti della città: “Il gruppo che rappresentiamo in Consiglio Comunale, Tolentino Popolare, nasce dalla fusione di due esperienze politiche simili per area e diverse per percorso storico, riconducibili da un punto di vista locale a due giovani impegnati in politica: Emanuele della Ceca e Alessandro Massi.

Tolentino Popolare, dopo aver preso corpo politico, ha sottoscritto il programma amministrativo e garantito sostegno al Sindaco Giuseppe Pezzanesi per il suo secondo mandato e raccolto dall’elettorato quasi un 13,00% di consensi che di fatto hanno determinato il raggiungimento dell’obiettivo dell’intera coalizione.

Ecco perché, come dichiarato nell’ultimo consiglio comunale, intendiamo ribadire con coerenza la volontà di rimanere in maggioranza per proseguire il mandato affidatoci due anni fa dagli elettori e dal nostro gruppo”.

Ed hanno di nuovo dichiarato la loro opinione sulla scuola elementare ‘Don Bosco’: “Nel caso specifico della ‘Don Bosco’ crediamo che la scuola sia un servizio indispensabile per la residenzialità ed il commercio del Centro storico e non accettiamo strumentalizzazioni da parte di alcuno per fini esclusivamente personali e/o politici.

Stiamo approcciando la questione senza polemiche, studiando la realtà dei fatti ed entrando nel merito della questione con la Giunta e il resto della maggioranza, senza cercare popolarità. Contestualmente però rivendichiamo il diritto di lealtà e coerenza nei confronti degli elettori che sulle suddette linee politico-programmatiche ci hanno assegnato la loro fiducia.

Non ci interessano vecchie strategie politiche e/o giochi personali, né ci appartengono improbabili fughe in avanti, ed ai tentativi di mettere in crisi l’attuale maggioranza noi rispondiamo con fermezza che eravamo e siamo impegnati a sostenere sia il programma sottoscritto con gli alleati di coalizione sia il Sindaco Giuseppe Pezzanesi.

Questa nostra linea è stata ampiamente espressa all’ex Assessore Alessandro Massi già prima che lui iniziasse ad apparire sui rotocalchi locali; pertanto non è corretto additarci come ‘traditori’ e ‘complottisti’ su una vicenda in cui siamo stati chiari, sinceri e coerenti sin da subito, esprimendo la nostra contrarietà al metodo da lui utilizzato”.



Da parte sua l’ex assessore Alessia Pupo ha subito replicato al sindaco: “Comprendo l’amarezza del primo cittadino; in effetti estromettere due rappresentanti che con i loro voti e quello delle loro liste hanno contribuito in maniera decisiva alla sua affermazione è un fatto politicamente grave… Una manovra di ‘palazzo’, che ignora il mandato e la volontà popolare consegnati dagli elettori di Forza Italia e di gran parte del centrodestra”.

Mentre Alessandro Massi ha espresso amarezza per gli attacchi personali: “Dispiace che abbiano scelto di motivare la loro azione politica attaccandomi sul personale. Non rientra nel mio stile e mai lo farò. Probabilmente loro si sentono più vicini a chi fa delle politica motivo di scontro e rancore”.

Simone Baroncia

CONDIVIDI