Aperte le selezioni per la 22^ edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani (PIMU), uno dei più importanti concorsi internazionali per solisti jazz under 30, fondato dal talent scout e produttore discografico della Philology Records Paolo Piangiarelli e portato avanti dalla direzione artistica di Musicamdo Jazz.



Novità assoluta dell’edizione 2018 è il format che si modifica rispetto alle precedenti lasciando a Camerino (MC), città dove tradizionalmente si svolgeva il Premio per intero, esclusivamente le giornate finali che decreteranno i vincitori.

Infatti il concorso, che nasce con lo scopo di onorare la memoria del leggendario sassofonista romano e individuare giovani jazzisti emergenti, contribuendo allo sviluppo della loro carriera artistica, quest’anno sceglie di inserire due tappe itineranti come semifinali.

La prima, a Torino il 22 aprile presso il Torino Jazz Club e la seconda, a Roma il 29 aprile al Ballad Caffè, per poi concludersi con le finali dell’8 e 9 giugno a Camerino presso l’Auditorium Benedetto XIII dell’università ducale.

«Avevamo da tempo l’idea di inserire alcune tappe itineranti nel Premio – racconta il direttore artistico Daniele Massimi – sicuramente per dare ai giovani la possibilità di esibirsi con grandi musicisti affermati in ambienti eclettici come i jazz club al cospetto di una giuria di esperti.

massimo urbaniCon il terremoto che nel 2016 ha colpito Camerino nel cuore cittadino dove si svolgeva la manifestazione – continua Massimi – abbiamo pensato che fosse importante portare anche fuori regione l’attenzione sui nostri luoghi e sulle nostre terre.

Per non far spegnere i riflettori sul dramma che ha colpito parte delle Marche e che ha messo a dura prova le nostre popolazioni. In occasione delle due tappe di Torino e Roma – conclude il direttore artistico del PIMU – organizzeremo una cena di solidarietà con i prodotti tipici delle nostre terre».

Le domande di iscrizione al PIMU dovranno pervenire via mail entro il 9 aprile 2018 attraverso l’invio dei materiali richiesti dal bando scaricabile sul sito del Premio (www.premiomassimourbani.com).

Non sono ancora stati svelati i nomi della giuria di questa edizione ma si preannuncia in ogni caso di enorme livello visti i nomi di chi l’ha presieduta negli anni scorsi da Kurt Rosenwinkel a Fabrizio Bosso passando per Enrico Rava e numerosi altri.

Un concorso che, nel continuare la partnership con importanti realtà come Umbria Jazz e Nuoro Jazz, nel tempo ha premiato e scovato l’eccellenza prima che chiunque altro potesse accorgersene.



Nomi del calibro di Francesco Cafiso, Rosario Giuliani, Gianluca Petrella, Max Ionata, Dino Rubino, Julian Oliver Mazzariello, Alessandro Lanzoni e numerosissimi altri sono saliti alla ribalta proprio dopo l’incoronazione al Premio Urbani.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI