Sold out in poche ore per “Grease”, lo spettacolo della Compagnia della Rancia previsto per sabato 20 e domenica 21 gennaio.

Il musical, diretto da Saverio Marconi, sarà messo in scena con un particolare allestimento adattato agli spazi del Teatro Don Bosco e dedicato alle popolazioni dei comuni del cratere e colpiti dal sisma.



Nel giro di poche ore i numeri della Compagnia della Rancia sono stati letteralmente presi d’assalto e quindi i posti disponibili sono stati esauriti. Comunque per venire incontro alle tantissime richieste è stata creata una lista di attesa a cui si accede via mail scrivendo all’indirizzo: grease@rancia.com.

Infatti alcuni biglietti sono stati messi a disposizione dei residenti dei Comuni di Visso, Castel Sant’Angelo sul Nera e Bolognola, partner del comune di Tolentino nel progetto “Popolazione di Fenomeni” e inserito nell’ambito del progetto “Marche in vita – Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma”.

Il gradimento riscontrato testimonia ancora una volta il grande attaccamento che i tolentinati ed i residenti dei comuni limitrofi hanno nei confronti della Compagnia della Rancia e di Saverio Marconi che grazie al suo straordinario lavoro, negli anni, ha trasformato Tolentino nella piccola Broadway italiana.

In effetti “Restiamo Insieme” è il ritornello più famoso del musical, quello che meglio sintetizza il messaggio positivo di inclusione e senso del gruppo che emerge fortemente da una storia semplice, fatta di ragazze e ragazzi, d’amore e amicizia, che negli anni, dal film alla versione teatrale italiana (una festa travolgente che dal 1997 accende i teatri del nostro Paese, in tour con grande successo anche in questa stagione), ha trasformato questo titolo in un vero e proprio cult intergenerazionale, che conquista giovanissimi e non:

un fenomeno che si conferma a ogni replica (più di 1.600, per oltre 1.700.000 spettatori) di questo spettacolo firmato da Saverio Marconi, che ha dato il via alla musical-mania, trasformandosi in un vero e proprio fenomeno di costume “pop”.

sold outRipensato in una versione “unica”, adattata allo spazio teatrale del Cineteatro Don Bosco, “Grease” mantiene i momenti divertenti, pieni di ritmo e di energia, i personaggi diventati “icone” e le canzoni indimenticabili per riportare questo titolo a Tolentino dopo 15 anni: per Compagnia della Rancia, Tolentino è sempre stato sinonimo di un luogo speciale dove “stare insieme”, ancor più oggi, dopo le ferite profonde dell’incendio del Teatro Vaccaj prima e del violento sisma dello scorso anno.

In 20 anni di successi in Italia, nella versione della Compagnia della Rancia, ‘Grease’ si è trasformato in una macchina da applausi, cambiando il modo di vivere l’esperienza di andare a teatro.

Oggi è una festa da condividere con amici e famiglie, senza riuscire a restare fermi sulle poltrone ma scatenarsi a ballare: un inno all’amicizia, agli amori indimenticabili e assoluti dell’adolescenza, oltre che a un’epoca – gli anni ’50 – che oggi come allora rappresentano il simbolo di un mondo spensierato e di una fiducia incrollabile nel futuro.

Si vedono tra il pubblico scatenarsi insieme almeno tre generazioni, ognuna innamorata di “Grease” per un motivo differente: la nostalgia del mondo perfetto degli anni Cinquanta, i ricordi legati al film e alle indimenticabili canzoni, l’immedesimazione in una storia d’amore senza tempo, tra ciuffi ribelli modellati con la brillantina, giubbotti di pelle e sbarazzine gonne a ruota.

A tale proposito Saverio Marconi ha affermato: “Riportare Grease a Tolentino, ripensandolo per accoglierlo anche negli spazi ridotti del Teatro Don Bosco, è una piccola sfida che mi riempie di gioia: portiamo nella ‘nostra’ Tolentino e ai cittadini di paesi duramente colpiti dal terremoto due ore di divertimento e leggerezza e un cast straordinario di giovani talenti.

Abbiamo festeggiato sul palco del Vaccaj le 500 repliche di questo spettacolo nel 2002, ne abbiamo collezionate tantissime in tutta Italia da allora… sarebbe meraviglioso, dopo queste tre repliche, tornare al Vaccaj per festeggiarne 2000 in un prossimo futuro!”.



L’evento sarà messo in scena nell’ambito del progetto “Marche inVita – Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma”, l’iniziativa coordinata dal Consorzio Marche Spettacolo in collaborazione con MiBACT – Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo e dalla Regione Marche, per la promozione di attività di spettacolo dal vivo che facciano rivivere nel segno della cultura i territori feriti dal sisma che ha colpito le Marche nel 2016.

Simone Baroncia

CONDIVIDI