Di Chicca Scarresi

Stadio Bruno Recchioni 12-05-2017 ore 20,30 Fermana U.S.Ravenna 0-1. Due rigori negati ai Gialloblù che avrebbero decretato vittoria certa, in ogni caso si è trattata di una sconfitta subita dalla Fermana dovuta solo ad un errore, ad una fatalità, un autogol che non può essere interpretato come un merito attribuito alla squadra avversaria, ma è stato, appunto, solo un autogol, una rete regalata, concessa, elargita, dispensata, offerta, omaggiata o donata che dir si voglia, ad una squadra che ha dovuto lottare come una tigre contro la padrona di casa sempre più temeraria agguerrita e determinata ad alzare  la testa, costi quel che costi, sempre.



Con la reale consapevolezza della propria competenza scortata dalla soddisfazione per i risultati già ottenuti e dunque più che certi, Mister Destro dimostra di non scomporsi più di tanto davanti ad un insignificante focolaio di sfortuna, tra l’altro subito domato e spento anche dagli idranti di pronto intervento della Curva Duomo, disposta a capire che cose simili possono accadere nel calcio e che certamente non condizionano tutto il buon lavoro realizzato nell’arco di un campionato estremamente complesso. I tifosi infatti a fine gara, hanno applaudito i Gialloblù facendo sentire loro calore e affetto esonerandoli dal senso di responsabilità e dal peso della sconfitta.

Cari lettori de La Scansione.net, ‘nessun dolore’ dunque, può succedere, tutto qui, mentre ‘un sottile dispiacere’ invece, arriva da Molinari quando in conferenza stampa ha cercato di nascondere con battute spiritose la commozione invece evidente nei suoi occhi; cari lettori, ho intercettato quell’ emozione controllata a fatica, è stato un lampo improvviso che ha illuminato a giorno il mio animo, ho sentito con chiarezza quel nodo in gola molto contagioso, e mi chiedo, i giornalisti gli scrittori debbono essere sempre attenti testimoni forti e distaccati o a quelli come me che fanno fatica a nascondersi è concesso di far brillare una lacrima? Ma con tanta discrezione, si intende! Molinari tornerà nel suo Paese dalla sua famiglia in attesa di qualche convocazione.

Caro Molinari, un cuore turbato di commozione si dilata come una vela gonfiata dal vento che consegna il veliero al mare, esattamente come il destino si consegnerà al tuo sogno più grande, al tuo auspicio più ricco, alla tua somma aspirazione, al tuo più luminoso desiderio, sempre che la fiducia sia la tua unica e inseparabile compagna e padrona, tanti in ‘bocca al lupo’ da parte mia e grazie per tutto il tuo prezioso impegno e per non aver nascosto quegli occhi lucidi al pensiero di andare via, per un istante non l’ho fatto neanche io!

Primo tempo

Al 1’, Petrucci già a terra costretto ad allontanarsi dal campo per i primi soccorsi e rientra dopo pochissimo ma sarà costretto a chiedere la sostituzione. Al 3’ Petrucci da solo dribla, arriva in area ma viene fermato. Al 6’, Cremona sfiora il palo. Entra Valdes esce Petrucci come già annunciato. Al 12’, il primo angolo della gara.  Al 16’, D’Angelo e Cremona si contendono i passaggi, tira Cremona, azione splendida e sprecata.  Al 20’, punizione per gli ospiti batte Selleri. Al 30’, fallo su Lel.J punizione per gli ospiti, batte al limite dell’area Selleri e Valentini viene impegnato si tuffa e respinge in angolo da cui Ispas ruba palla in maniera magistrale. Al 32’ Mane per D’Angelo in area crossa a Cremona che non intercetta, ma per l’azione creativa e intelligente arriva un’ ovazione dagli spalti. Al 34’ fallo ai danni di Cremona, punizione, batte Ispas e il portiere blocca, anche questa giocata non è niente male! Al 39’, Valdes viene atterrati in area, c’è un  netto rigore, tutti lo abbiamo visto tranne l’arbitro che non lo concede! Al 40’ punizione per fallo ai danni di Cremona, batte D’ Angelo poi ci si perde. Al 43’, Urbinati a terra, rimessa laterale. Al 44’, offensiva del Ravenna sventata. Al 46’, punizione per gli ospiti dalla tre quarti, e Valentini para.  2’ di recupero.

Secondo tempo.

Al 1’, punizione per la Fermana e subito dopo punizione per gli ospiti contestata dalla tifoseria gialloblù. Al 4’, punizione al limite batte Selleri e prende il palo di sinistra, un brivido ha gelato lo stadio! Al 6’, Cremona in rovesciata e la palla tocca la mano del difensore e anche adesso niente rigore per i canarini che cominciano a ribellarsi al direttore di gara e giustamente lo aggiungo io! All’8, punizione per gli ospiti dalla tre quarti, respinta di testa.  Al 9’, una rovescita di Cremona per D’Angelo in porta che non raggiunge neanche la scia della sfera purtroppo! succede! All’11, punizione per gli ospiti, dalle fasce e rimessa laterale. Al 15’, esce Misin entra Molinari. Al 16’, angolo per la Fermana, e la palla finisce ancora in angolo e ancora angolo. Al 18’ angolo per la Fermana, quattro angoli consecutivi, non ne venivano fuori! Al 21’, ammonito Mandorlini per fallo ai danni di D’Angelo. Al 23’ angolo per la Fermana, batte Ispas. Al 24’, Selleri dal limite un tiro superficiale. Al 25’ a terra Urbinati, punizione batte D’Angelo e veramente fuori. Al 26’, entra Graziani esce Forte. Al 27’ ammonito Venturini e punizione per la Fermana, batte Ispas che prende proprio la mira direttamente nelle braccia del portiere. Al 28’, punizione per la Fermana, batte D’Angelo e….. mah! Al 30’, tiepida rovesciata di Molinari e Venturi non ha problemi. Al 33’, gioco fermo a terra Broso che lascia momentaneamente il campo e rientra subito, mi chiedo, questi spray che mettono alla parte dolente sono miracolosi?. Al 34’, esce D’Angelo entra Margarita. Al 35’, esce Luzzi entra Der.Jai. Al 37’,  autogol Comotto 0-1, azione sollecitata dagli ospiti in area cominciata da Broso, un tocco fortuito di Comotto fa entrare la palla in rete. Al 39’, ammonito Urbinati e Lel.J. Al 40’ esce Broso entra Innocenti. 4’ di recupero.

Fermana (4-3-3 ) : Valentini, Clemente, Isoas, Urbinati, Comotto, Ferrante, Petrucci ( Valdes 6’ pt), Mane, Cremona, D’Angelo (Margarita 35’ st), Misin (Molinari 15’ st). A disposizione: Bottaluscio, Sene, Musumeci, Gadda, Forò, Fazzini. Allenatore: Flavio Destro.

U.S.Ravenna (4-3-1-2 ): Venturi, Ballardini, Rraoaj, Lel.j, Venturini, Mandorlini, Pregnolato, Forte ( Graziani 26’ st), Broso ( Innocenti 41’ st), Selleri, Luzzi ( Derjai 36’ st). A disposizione: Spurio, Giacomoni, Mingozzi, Larese, Ambrogetti, Sabba. Allenatore: Mauro Antonioli.

Tabellino: Marcatori: Comotto 37’ st ( autogol ). Ammoniti: Misin 17’ pt ( gioco falloso), Comotto 11’st ( gioco falloso), Mandorlini 22’ st ( gioco falloso), Venturini 28’ st ( gioco falloso). Angoli: 7-1. Recupero: 2’+4. Arbitro: sig. Daniele Perenzoni di Rovereto. Assistenti: sigg. Andrea Torresan di Bassano del Grappa e Francesco Savalla di Padova.

Chicca Sciarresi

CONDIVIDI