di Chicca Sciarresi

Stadio Bruno Recchioni di Fermo 02/04/2017 ore 15,Fermana Vis Pesaro 1-0. Restano cinque partite, solo cinque e il campionato potrebbe essere nel palmo della mano gialloblù, ma c’è un feroce duello in atto fra le due contendenti del podio finale: Fermana e Matelica . Nessuna delle due squadre ha intenzione di lasciare all’altra il vessillo della vittoria estrema, perché anche in questo caso, non esiste la possibilità di un ex aequo, nessun ugual merito, nessuno sconto.



Cari lettori de La Scansione.net, anche oggi lo stadio Recchioni era gremito di tifosi e di famiglie che stanno riscoprendo il piacere di gustarsi il bel gioco, il brivido della dura competizione, il fascino di un gigantesco duello d’altri tempi, un duello che durerà per ancora cinque match tremendi a colpi di gol fra Fermana e Matelica, una battaglia che porterà la vincitrice diritta allo splendore del successo con tutti i vantaggi che ne conseguono d’immagine, di prestigio, di gloria sportiva ed economica, di visibilità anche della città stessa, di fierezza orgoglio e senso di appartenenza, una bandiera che gioiosa  severa e imponente si lascerà agitare da tutte le opportunità meravigliose come docili raffiche ventose.

Nessuna delle due squadre in questione vuole rinunciare a tutto questo e ne vedremo delle belle dunque, cari lettori, vi suggerisco di seguire quest’ avventura fino all’ultimo minuto.   Mister Destro:” Sono soddisfatto per il risultato per l’applicazione dei ragazzi contro una squadra che sapevamo molto difficile da affrontare, quindi molto soddisfatto del risultato e della prestazione. I ragazzi sanno che ogni partita è una battaglia, non è facile come si dice. Vincere una partita contro avversari di questo tipo è ancora di più difficile, prendiamo questa bella vittoria di cui siamo contenti.

Fino a quando non siamo sicuri, il campionato è aperto, il Matelica ha vinto, quindi sta a significare che non molleranno fino alla fine, il duello continua, noi siamo pronti e loro anche, andiamo avanti! Sappiamo di avere una grande tifoseria che ci ha sorretto dal primo all’ultimo minuto, quindi sotto questo punto di vista non abbiamo problemi, sappiamo che i tifosi ci sono sempre vicini.

La Fermana farà di tutto per cercare di far bene partita dopo partita. Noi sappiamo i nostri pregi e i nostri difetti ma bisogna sapere anche quelli degli avversari. La Vis Pesaro è una buona squadra che ha giocato bene, è vero anche che abbiamo concesso poco, a parte la punizione dove hanno preso la traversa, non mi sembra che abbiano creato tante occasioni. Noi potevamo fare due o tre gol su calci piazzati e farli prima sicuramente.

D. Mister quanto ha favorito giocare con un uomo in più rispetto a loro per la vittoria?

R. Non sono certo ipocrita, è normale che un conto è giocare con un uomo in più e un conto giocare alla pari, ci ha sicuramente agevolato come può aver sicuramente svantaggiato la Vis Pesaro, però questo è quello che nel calcio succede qualche volta, credo però che nel primo tempo abbiamo avuto tre o quattro palle gol abbastanza clamorose di testa! Adesso si iniziano a ridurre le partite, l’importanza è fondamentale ed è ovvio che la tensione sale perché poi hai di fronte un avversario importante, ogni palla può essere quella giusta o quella sbagliata, quindi c’è un po’ di frenesia un po’ di preoccupazione ma credo sia abbastanza normale.

Io non parlo mai dell’arbitro, prendo atto di quello che ha fatto valutando la simulazione; noi siamo stati bravi anche a gestire quando qualche volta il giro palla era difficile per noi da andare a chiudere, siamo stati bravi e forti. La Fermana è una squadra che non guarda la classifica e pensa di lavorare settimanalmente ma non possiamo assolutamente abbassare la guardia e questa è una cosa che deve entrare nella testa dei ragazzi come gli è entrata fino adesso! Mancano 5 partite, ci sono quindici punti a disposizione, il Matelica non molla, siccome non possiamo impedire agli altri di fare punti, dobbiamo farli noi! Per me adesso c’è il Pineto e basta, mi dispiace ma non vado oltre!

” DG Fabio Massimo Conti:”Per come è costruita la nostra squadra, temevo di più la Vis Pesaro che il Matelica dal punto di vista del gioco, infatti abbiamo fatto più fatica, sapevamo che sulle palle inattive, avremmo potuto molto, infatti siamo arrivati a concludere quattro volte in maniera pericolosa, con Comotto una volta con Ferrante e nel secondo tempo sempre con Ferrante il quale mi ha detto giovedì che avrebbe fatto un gol sotto la Curva Duomo, quindi si vede che se lo sentiva. Dal punto di vista meramente fisico, gli avversari ci concedono molti centimetri sulle palle inattive, sapevamo che poteva essere il loro punto debole.

Credo che oltre a Ferrante vada fatta una nota di merito a Ispas che nonostante sia il più giovane in campo, non ha paura di andare a battere calci di punizione e calci d’angolo e riparte anche molto bene, non è la prima volta che fa assist su calcio piazzato, il primo contro il Castelfidardo la prima partia in casa per Comotto e ne ha fatti molti, non è facile quando si è più piccolo in una squadra e prendersi queste responsabilità, quindi va sicuramente sottolineato questo aspetto e anche il fatto che l’allenatore ci lavora gli da fiducia; oltre a lui e al loro centrocampista centrale Grieco che batte tutti i calci piazzati ne ho visti pochi in serie D in generale e non quest’anno.

Oggi probabilmente si affrontavano gli under più bravi del girone da una parte e all’altra, credo che lo stesso Ficola abbia fatto una partita positiva, migliore rispetto a quella in cui aveva abituato noi la scorsa stagione; il loro centrocampista Grieco credo abbia confermato di essere un giocatore probabilmente già pronto per altri palcoscenici e la differenza in questa categoria molto spesso la fanno proprio i giovani. Quando gli allenatori dicono che non si accorgono della differenza fra uno  giovane e uno vecchio, vuol dire che i giovani sono bravi e oggi in campo non ho visto questa differenza.”

Ferrante:” E’ stata una settimana intensa, io dovevo recuperare da un infortunio che mi aveva bloccato, comunque sempre per precauzione, e come mi ha anticipato il Direttore, scherzando con i ragazzi, non facevo altro che ripetere che domenica avrei fatto gol! E’ arrivato il gol e quindi c’è stata una doppia soddisfazione. Costantino è molto bravo, è un attaccante che si muove sempre, fa continui contro movimenti, quindi marcarlo è molto difficile, non ti dà molti punti di riferimenti, però alla fine io e Comotto dovevamo marcarlo, eravamo due contro uno e penso che abbiamo fatto bene il nostro lavoro.

Sono onesto, i primi dieci minuti non ero partito come le altre volte, però alla fine quando ti guardi in torno e vedi dieci leoni che corrono anche per te, non puoi fare altro che riprenderti. Ringrazio la Fermana e il Direttore che mi ha dato la possibilità di vivere questo campionato e questo sogno e adesso bisogna rimanere aggrappati fino alla fine. Un girone fa io ho cercato di mantenere sempre la mia serenità e quella dello spogliatoio anche quando ero in panchina e di mantenere l’armonia all’interno dello spogliatoio tra i ragazzi, poi quando il Mister mi ha dato l’occasione, l’ho sfruttata.

Noi in settimana svolgiamo sessioni di allenamento molto intense e anche stimolanti, quindi come ho già detto, quando vedo i miei compagni correre il doppio anche per me, non posso far altro che correre per loro. Il Mister tempo fa mi ha detto: continua ad allenarti così perché da un momento all’altro ci potrebbe essere la svolta tua e della squadra.”

Primo tempo

Al 3’ punizione per gli ospiti. Al 4’, punizione per gli ospiti batte Iglio. Al 6’, un’ occasione d’oro, Petrucci crossa al centro per D’Angelo. Al 8’, esce Valentini al volo blocca un tiro che è l’insidia fatta sfera!  All’ 11’, Molinari tira troppo alto sulla traversa. Al 12’ angolo per gli ospiti.  Al 13’ a terra Valdes e punizione, batte Ferrante che manda la palla direttamente sul fondo. Al 15’, viene atterrato Gennaro da uno scontro con Misin, gioco fermo, arrivano i soccorsi. Al 18’, punizione per la Vis. Al 20’, da una rimessa arriva il colpo di testa di Rissi molto blanda. Al 25’ angolo per la Fermana, batte Ispas per Comotto  che di testa supera la traversa. Al 28’, punizione per gli ospiti, batte Iglio.  Al 30’, punizione per la Fermana. Al 31’, ammonito Raparo per un fallo contro Mane, batte … Ammonito Gennari e angolo per la Fermana. Al 34’ l’arbitro ha dato la punizione agli ospiti mentre doveva essere palesemente assegnata ai padroni di casa e della gara, angolo per gli ospiti di conseguenza. Al 35’ ancora angolo per gli ospiti e la palla finisce tanto lontano dal campo, diciamo fuori sede! . Al 40’, punizione per la Vis per fallo di Mane ,Mureno con la deviazione della barriera prende la traversa. Al41’ Comotto di testa sfiora il vantaggio. 2’ di recupero.

Secondo tempo

Al 2’, altro pallone fuori dallo stadio in direzione mare! Al 3’, angolo per gli ospiti.  Al 5’, ammonito Clemente e punizione per la Vis. Al 9’, entra Gadda esce Valdes.  Al 12’ entra Cremona esce Molinari. Al 13’, uno scontro, Gennari è a terra, entrano di corsa i barellieri ma la barella esce dal campo disabitata! Al 17’, ammonito Petrucci in area quando doveva essere rigore per la Fermana! Al 18’ realizzo che non gradiscono il direttore di gara! Al 19’, ammonito ed espulso Gennari, punizione batte D’Angelo e Ispas manda la sfera alta sulla traversa. Al 21’, entra Massarucci esce Tedesco. Al 25’, punizione per la Fermana,batte Ispas che cerca la testa di Ferrante che colpisce ed è gol 1-0. Al 27’ ammonito Petrucci. Al 32’, entra Margarita esce D’Angelo. Al 34’ ottima azione in area ospite fra Margarita Cremona e Petrucci. Al 35’ fallo e punizione per la Vis, batte Mureno ma Valentini c’è. Al 38’ in girata Gadda e quasi entra poi punizione, batte Gadda ai limiti dell’area. Al 41’, angolo per la Fermana, batte Ispas, al volo in girata Gadda prova un tiro clamoroso. Al 45’ ammonito Mureno, punizione per la Fermana batte un cross Clemente che cerca Comotto. Al 48’, in area occasioni a non finire e ammonito Cremona, mentre Mane è a terra per crampi. Al 49’, punizione  per la Vis. 6’ di recupero.

Fermana ( 4-1-2-3): Valentini, Clemente, Ispas, Misin, Comotto, Ferrante, Petrucci, Manè, Molinari ( 12’ st Cremona), D’Angelo (31’st Margarita), Valdes( 10’’ st Gadda). A disposizione: Bottaluscio, Maghzaoui, Moretti, Musumeci, Fazzini, Di Pinto. Allenatore: Flavio Destro.

Vis Pesaro ( 4-2-3-1): Iglio, Ficola, Mureno, Grieco, Gennari, Del Pivo, Comi, Raparo(26’ st Lignani), Costantini, Rossi (27’ st Cremonesi), Tedesco( 20’ st Massarucci). A disposizione: Stefanelli, Paolini, Rossoni, Dadi, Bugaro, Santucci. Allenatore: David Sassarini. Arbitro: sig. Matteo Marcenaro di Genova. Assistenti: sigg. Daniele Cogozzo di Chiavari e Maurizio Ferrari di Imperia.

Tabellino:

Marcatori: Ferrante al 25’ st. Ammoniti: Clemente ( 5’st per gioco falloso), Petrucci ( 17’st per simulazione),Misin ( 28’st per gioco falloso), Mureno ( 45’st per fallo di mano), Grieco (48’st per gioco falloso). Espulsi: Gennari ( 19’st per doppia ammonizione). Angoli: 4-3. Recupero: 2’+6’.

Chicca Sciarresi

CONDIVIDI