Moie Bella e netta vittoria dell’Ecoenergy04 Pallavolo Moie sull’ Aduna Padova. Troppo evidente il divario tecnico, tattico e di esperienza tra la giovane formazione ospite e le biancorosse moiarole.



Eppure le venete erano scese nelle Marche con le migliori intenzioni per vendicare la mal digerita sconfitta per 0-3 rimediata nella partita d’andata.

Il proposito riesce solo per metà del primo set fino al 16-16, poi Moie si distende, accelera e per le malcapitate avversarie non c’è più niente da fare.

Nel secondo parziale l’Ecoenergy04 parte più attenta e già a metà della frazione il vantaggio risulta consistente. Il finale non desta sorprese e le biancorosse si portano “facilmente” in vantaggio per 2-0.

Nel terzo set le ospiti perdono visibilmente fiducia e oppongono ben poca resistenza alle folate offensive di Roani & c. che chiudono l’incontro in poco più di un’ora.

Parte a tutta birra l’ Aduna Padova, esaltata dal frastuono delle trombe dei tifosi al seguito e Moie subisce, quasi senza reagire, la spinta offensiva ospite: 3-6. Nel tentativo di recuperare le biancorosse commettono qualche errore di troppo e la superiorità delle avversarie si protrae: 6-9.

La reazione moiarola però non si fa attendere oltre e sul servizio di capitan Roani il sorpasso è cosa fatta: 13-11. Due successivi ace di Turri riportano avanti le ospiti (13-15) ma è l’ultima fiammata della Aduna Padova, perché da qui in avanti sarà tutto un monologo locale.

Manuela Roani sembra incontenibile con i suoi potenti attacchi da zona quattro e Nicoletta Luciani esegue l’identico copione da zona due. Più che sufficiente per placare l’iniziale verve delle venete e chiudere il set d’apertura: 25-18 e 1-0.

Nella seconda frazione il sestetto di Pippi Lombardi parte più concentrato e allunga subito: 6-3. Rossetto riporta sotto le sue con buone giocate (7-6) ma i muri di Martina Spicocchi e Nicoletta Luciani scavano di nuovo il solco tra le due squadre: 14-8.

Eraclya, con tutta la buona volontà, cerca di resistere alla superiorità delle avversarie, ma il divario è troppo evidente.

aduna - ecoenergy04Il gioco delle patavine non è sorretto da una ricezione adeguata e soffre una copertura a muro non sempre puntuale ed ermetica e un attacco poco incisivo.

Le biancorosse, senza strafare, portano a casa il secondo parziale in breve tempo, frutto, questa volta, del gioco con le centrali Martina Spicocchi e Sofia Cerini, ben orchestrato da una attenta Giulia Cecato: 25-16 e 2-0.

Il gioco non è bellissimo, all’inizio del terzo set, caratterizzato dalle battute forzate delle due formazioni e da parecchie imprecisioni: 4-4. Poi Martina Spicocchi prende un buon ritmo sulla sua fast e Moie allunga: 9-5.

La lotta sui servizi continua, con un susseguirsi di errori e di ace (tre consecutivi quelli di Martina Spicocchi): 13-7. Il tecnico ospite ricorre alla panchina cambiando parecchie delle sue interpreti, ma il risultato non cambia: 17-11.

Anche mister Pippi Lombardi effettua il suo doppio cambio (dentro Giulia Pistocchi e Marta Maurizi per Nicoletta Luciani e Giulia Cecato). Padova cede definitivamente le armi ad una formazione troppo superiore anche alla sua voglia di riscatto, (dentro anche Alessia Principi per Chiara P.I. Falotico), con un finale caratterizzato da cinque errori ospiti consecutivi, frutto dello sconforto e della frustrazione: 25-16 e 3-0.

Ecoenergy 04 Moie: Falotico 10, Roani 6, Luciani 11, Cerini 12, Spicocchi 15, Cecato 4, Pistocchi, Maurizi, Principi, Stronatti e Mattetti, liberi Zannini e Mercanti. Coach: Francesco Lombardi.



Eraclya Aduna Padova: Tolin 1, Volpin 5, Mattiazzo 6, Ballan 1, Salimbeni 1, Facco, Turri 3, Rossetto 7, Frison 6, Menegaldo, Fenice, libero Gallo. Coach: Lorenzo Amaducci.
Arbitri: Tucci e Tramba

Ecoenergy 04 Moie: bv. 10, bs. 10, muri 6, att. 49%, ric. 40%, err. 7
Eraclya Aduna Padova: bv. 6, bs. 7, muri 3, att. 30%, ric. 20%, err. 8

Daniele Guerro

CONDIVIDI