Patologie delle unghie: onicodistrofia e onimicosi

Con l’arrivo dell’estate e del caldo è comune indossare calzature aperte ed è quindi molto importante avere delle unghie in salute

373

Messaggio Promozionale – Una patologia dell’unghia molto diffusa è l’onicodistrofia, che si verifica quando l’unghia, solitamente dell’alluce o del pollice, si sviluppa in modo difettoso, presentando un cambiamento della normale forma della lamina ungueale.



Le cause dell’onicodistrofia possono essere endogene, cioè alterazioni della matrice ungueale o delle strutture che circondano l’unghia, oppure esogene e in questo caso la lamina ungueale si modifica o a causa di carenze di sostanze nutritive del nostro organismo, quali minerali (tra cui il ferro) che sono molto utili per la crescita e la costituzione delle unghie, o a causa di eventi particolarmente traumatici anche ripetuti, causati o dall’attività sportiva o dall’utilizzo prolungato di calzature eccessivamente compressive.

Nei casi in cui l’onicodistrofia sia causata da eventi traumatici, che è la causa più frequente, l’unghia presenta uno sviluppo difettoso e la sua superficie risulta frastagliata e ondulata e si rompe o scheggia più facilmente.

È necessario individuare la causa dell’alterazione e ricorrere a rimedi indicati e specifici che trattano le alterazioni delle unghie e aiutano a prevenire le recidive proteggendo l’unghia. Per cercare di prevenire questa patologia è importante, inoltre, evitare traumi che potrebbero provocare malformazioni e favorire la successiva crescita di unghie distrofiche.

Un’altra patologia molto diffusa delle unghie è l’onicomicosi, un disturbo legato alla presenza di funghi dermatofiti, microorganismi che proliferano in tessuti ricchi di cheratina. In una minoranza di casi l’infezione può essere causata da muffe o lieviti.

Questo disturbo colpisce più comunemente le unghie dei piedi rispetto a quelle delle mani e determina spesso un cambio di colore dell’unghia stessa che diventa opaca, può cambiare colore e diventare gialla, verde o marrone: le unghie affette da questa patologia infatti crescono più spesse e con superficie irregolare e tendono a sfaldarsi o spezzarsi più facilmente, via via che l’infezione peggiora.

Nei casi particolarmente gravi l’unghia malata può sollevarsi e cadere.  Le cause dell’onicomicosi possono essere rintracciate in traumi ripetuti delle unghie, anche se lievi, fragilità, riduzione delle difese immunitarie, diabete, sudorazione eccessiva, malattie vascolari periferiche o crescita rallentata dell’unghia dovuta ad età avanzata.



Gli ambienti come palestre o piscine, quindi caldi e umidi, favoriscono la proliferazione di questo fungo e anche in questo caso è opportuno adottare delle semplici misure di prevenzione evitando di indossare scarpe strette e poco traspiranti e cambiando quotidianamente i calzini.



Milena Cassano

CONDIVIDI