Promuovere le discipline sportive all’interno degli istituti penitenziari, questo l’obiettivo del progetto “Make the difference 2017” che ha preso il via ad Ascoli Piceno, presso la casa circondariale e reso possibile grazie al primo protocollo d’intesa nazionale tra il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e l’Unione Sportiva Acli nazionale e finanziato dai fondi del 5 per mille (anno 2014) messi a disposizione dalle Acli nazionali e dall’Associazione di volontariato Delta e con la collaborazione dell’U.S. Acli Marche.



Il programma di attività sportive partirà con attività all’interno della palestra del  penitenziario e presso il campo sportivo; i detenuti saranno seguiti da personale qualificato dell’U.S. Acli”.

“Il progetto «Make the difference 2017» ha come scopo – spiega il vice presidente provinciale dell’U.S. Acli di Ascoli Piceno Giulio Lucidi – di promuovere la pratica sportiva all’interno dell’istituto penitenziario, nella consapevolezza del significativo ruolo svolto dallo sport per la promozione del benessere psicofisico delle persone detenute, per l’educazione a corretti stili di vita, favorendo al tempo stesso forme di aggregazione sociale e di positivi modelli relazionali di sostegno al percorso di reinserimento.

Oltre alle iniziative avviate nei prossimi mesi sono in programma altre iniziative di carattere sportivo ma anche socio/educative”.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI