Sarà ospitata dal 12 al 29 luglio presso Sala Dogana a Palazzo Ducale di Genova, uno dei principali musei del capoluogo ligure, già sede del dogato dell’antica repubblica marinara, la mostra ‘Bad Consumers’ a cura della critica d’arte Veronica Grozio.

L’esposizione anticipa l’uscita di “A Perfect Cut in the Vacuum”, il nuovo album del musicista, compositore e produttore Paolo Tarsi, frutto della collaborazione con figure di primo piano provenienti da formazioni di culto della scena elettronica e non solo.



Nel disco saranno presenti infatti musicisti che hanno militato nei Kraftwerk, Tangerine Dream, Neu!, King Crimson, Afterhours, Tuxedomoon, Ulan Bator, Henry Cow, National Health, fino a stretti collaboratori di David Bowie, Brian Eno, Bryan Ferry (Roxy Music) e di band come Radiohead, Faust e Soft Machine.

badL’esposizione, che verrà inaugurata con un live dello stesso musicista, racchiude partiture grafiche del compositore senigalliese così come video-opere, artwork e videoclip realizzati da artisti di fama internazionale per accompagnare la sua musica.

Tra questi l’ex Kraftwerk Emil Schult (Elektric Music, Coldplay), Roberto Masotti (Cramps Records, Ecm), Luca Domeneghetti, Roberto Rossini, Ahmed Emad Eldin (autore della cover dell’album “The Endless River” dei Pink Floyd) ed Emiliano Zucchini, con cui Tarsi ha firmato una video-opera presentata alla recente edizione dell’Athens Digital Arts Festival, nella capitale greca.

badPartner dell’evento artistico nel capoluogo ligure l’etichetta Acanto, lo studio di registrazione Farmhouse di Rimini e la senigalliese Ventura Edizioni che ha pubblicato per l’occasione un ricco catalogo disponibile durante tutta la durata della mostra e online sul sito della casa editrice (www.venturaedizioni.it).

Ed è proprio a un libro di Paolo Tarsi pubblicato a inizio 2018 dalle edizioni Ventura, “L’algebra delle lampade”, a far riferimento il concept dell’appuntamento genovese. Tema della mostra-evento quanto l’uomo della nostra epoca, assorbito dalla vulnerabilità della libertà liquida, sia un consumatore di gioie ambigue quasi impossibili da saziare nel profondo, a partire proprio dalla fruizione musicale.



Bad Consumers anticipa l’atteso ritorno discografico di Paolo Tarsi previsto a fine estate con un doppio album dal titolo “A Perfect Cut in the Vacuum”, in uscita per Acanto e la sua nuova etichetta Anitya Records.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI