Una copia della Costituzione italiana, il più famoso volume scritto dai “padri costituenti” all’indomani della seconda guerra mondiale e del referendum che ha stabilito la fine della Monarchia in Italia in favore della Repubblica è stata consegnata a tutti i bambini delle elementari e medie del Comune di Caldarola dietro la volontà del Ministero dell’Istruzione.



In una semplice cerimonia officiata dal Sindaco Luca Maria Giuseppetti il libro, scritto con una grafica studiata appositamente per i più piccoli, è stato spiegato con l’aiuto anche del Vice Sindaco Debora Speziani, della dirigente scolastica Dott.ssa Fabiola Scagnetti e di tutto il corpo docente.

Una serie di articoli che stabiliscono le regole più importanti della vita di cittadini italiani, anche i più piccoli.

La Costituzione è quell’insieme di diritti e doveri che ogni individuo che vive nel nostro Paese è tenuto a rispettare.

Entrata in vigore 70 anni fa, la serie di articoli è stata redatta da un gruppo di persone che ha amato molto l’Italia e che ha lavorato affinché tutti gli italiani potessero vivere in pace, nel rispetto del prossimo senza che alcuno venisse discriminato per razza, religione, sesso, opinioni politiche e che per ciascuno vi fossero le stesse opportunità.

Il primo cittadino Giuseppetti ha anche spiegato ai bambini l’importanza di mettersi al servizio del prossimo, uno dei gesti più nobili che ognuno possa fare nei confronti degli esseri viventi. La politica dovrebbe partire da questi principi, l’appello che il sindaco ha rivolto ai più giovani è di non perdere la fiducia verso i politici perché fortunatamente esistono anche esempi positivi di buona gestione della cosa pubblica, che purtroppo non fanno notizia.



“Come nello sport, che quasi tutti praticano, esistono delle regole, anche nella vita di tutti i giorni bisogna rispettare le istruzioni che la Costituzione stabilisce, proprio per rendere equa la vita di ognuno di noi senza nessuna differenza” ha concluso il Sindaco Giuseppetti nel consegnare una copia ad ogni bambino.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI