Agevolazioni e contributi finalizzati allo sviluppo, anche in chiave turistica, del Centro Storico che comprende anche S.Francesco, Castelnuovo e Montefiore, saranno possibili attraverso l’erogazione di incentivi economici (fondo di € 200.000,00), le cui condizioni, modalità e termini vengono stabilite dal  Bando che  è stato analizzato in sede di Commissione Commercio.



I contributi che sono alternativi e comunque non cumulabili con analoghe agevolazioni finanziarie previste da leggi regionali, vengono erogati per sostenere le seguenti tipologie di spese:

per interventi edilizi di immobili di proprietà non utilizzati alla data di emissione del presente bando, da concedere in locazione agevolata a privati per prima casa o ad attività economiche.

per l’apertura di nuove attività economiche e di impresa.

per l’abbellimento di vie del Centro Storico con luminarie, dehors, altri elementi di arredo, ecc.;

per le iniziative locali nel Centro Storico volte a promuovere il territorio, costituenti “polo attrattore” ed interessanti intere vie e/o zone del Centro Storico, quale sperimentazione di integrazione tra la filiera turistico/culturale e turistico/commerciale.

per la promozione di attività di sviluppo e ammodernamento attività imprenditoriali e commerciali già esistenti

Il contributo comunale consiste nell’erogazione di un contributo una tantum, nell’importo massimo di € 5.000,00. Tale importo viene elevato ad € 8.000,00 qualora il richiedente apra una nuova attività ed abbia un’età pari o inferiore ai 35 anni. Il requisito dell’età nel caso di persone giuridiche, deve essere posseduto da tutti i titolari.

Per incentivare la realizzazione di una programmazione delle aperture e chiusure delle attività al fine di garantire un servizio adeguato ai turisti e visitatori si prevede, per le attività esistenti, un contributo comunale massimo € 1.000,00 volto a rimborsare totalmente e/o parzialmente i tributi, le tariffe e le tasse comunali pagate dagli operatori economici nell’anno precedente alla richiesta di contributo.

La liquidazione del contributo avviene per il 70% ad intervenuto avvio dell’attività, ovvero ad intervenuto rilascio del provvedimento amministrativo abilitante l’esercizio della stessa, se previsto, ovvero ad intervenuta esibizione della documentazione comprovante l’ultimazione dei lavori o dell’iniziativa, ovvero, ed in ogni caso, ad intervenuta verifica, a cura dei competenti Uffici Comunali, della rispondenza tra tipologia di programma ammesso a finanziamento e tipologia di programma realizzato; il restante 30% viene erogato a conclusione del progetto/azione.



Le domande che verranno accolte secondo l’ordine cronologico fino ad esaurimento delle risorse e comunque non oltre il 30 aprile 2020, potranno essere presentate:

con modalità cartacea all’URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico;

a mezzo Posta Elettronica Certificata al seguente indirizzo: comune.recanati@emarche.it.

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI