Taglio del nastro domani sera, venerdì  8 settembre, alle ore 21 per il nuovo campo sportivo di Villa Potenza.

L’impianto, grazie al Piano casa, è stato costruito nell’area ceduta dai lottizzanti all’Amministrazione comunale che ha varato un piano particolareggiato al quale è seguito un bando pubblico per la realizzazione e gestione del campo sportivo che si trova tra l’abitato della frazione e la bretella Anas.



La costruzione e la gestione, il cui costo complessivo è stato di poco inferiore agli 887mila euro, sono state affidate al raggruppamento temporaneo di imprese Edilizia Crocioni snc e Associazione di calcio Helvia Recina 1975 che si è aggiudicato a suo tempo l’appalto.

Il Comune di Macerata ha contribuito alla realizzazione della struttura con il pagamento al concessionario di un contributo per la costruzione e la gestione pari a 84.915 euro all’anno a decorrere dal primo anno di gestione e per tutta la sua durata fissata in 20 anni.

A Villa Potenza è stato realizzato un impianto da calcio in erba sintetica, con dimensione 100 metri lineari di lunghezza per 60 di larghezza,  che consente di  ottenere una migliore e uniforme giocabilità in ogni condizione meteorologica, favorendo così un maggior utilizzo dell’impianto e della pratica sportiva, dotato di illuminazione tramite quattro torri-faro ed idoneo allo svolgimento delle competizioni calcistiche della Lega Nazionale Dilettanti.

Realizzati anche quattro spogliatoi, due per i giocatori e due per gli arbitri, servizi igienici e docce, magazzini e locali accessori di servizio  che sono stati adibiti a ripostigli e deposito attrezzi necessari allo svolgimento delle attività sportive e alla sistemazione degli spazi esterni.



“Finalmente il campo sportivo di Villa Potenza è una realtà – afferma l’assessore allo sport Alferio Canesin – Dopo un lungo iter e il tempo necessario alla realizzazione dell’opera, che tra l’altro rappresentava uno dei punti programmatici dell’Amministrazione Carancini, Macerata ha un impianto sportivo moderno, ampio e funzionale che va ad accrescere l’offerta dell’intera città. Una riposta concreta alla crescente domanda da parte delle società sportive di impianti attrezzati per lo svolgimento delle varie attività all’aperto.”

Redazione – la Scansione.net

CONDIVIDI