di Chicca Sciarresi

Stadio Bruno Recchioni, 13-04-2017, ore 20.30, Fermana Romagna Centro 2-2. Un pareggio che indossa l’abito della vittoria intriso di fascino con la complicità del notturno, della coreografia mozzafiato della Curva Duomo e del frastuono melodico e festoso di tutta la città di Fermo, possiamo tranquillamente dire che ormai è fatta è finita, missione compiuta!  Come disse ai mondiali del 1982 Sandro Pertini:” ormai non ci raggiungono più!” Missione compiuta dunque! Si voleva ad ogni costo la promozione e promozione è!



Si pretendeva che il campionato fosse lo sgabello dei piedi dei tifosi ed è finito anche nei pugni fermani, si voleva conquistare la vetta ed ecco che ammiriamo la bandiera Gialloblù sventolare dalla cima più alta; nessuno è riuscito a fermare questa squadra incredibile, nessun’altra squadra è riuscita a tenere il passo gigantesco della Fermana, le altre hanno solo mangiato tanta polvere, mentre ai Canarini è spuntata un’apertura alare tale che ora volano come aquile reali, perché regale è la loro storia.

Cari lettori de La Scansione.net, se pensate all’incredibile, vi ritrovereste faccia a faccia con una squadra come la Fermana che ha stravinto il campionato in anticipo di quattro giornate! Si ha a che fare con gente che ama raccogliere i frutti del proprio sacrificio del proprio lavoro, e la Società li ha raccolti eccome! Una Società uno staff una squadra che brilla, come i diamanti più pregiati, come le stelle nascenti piene di energia che sprigionano tanta luce, come un unico cuore impazzito di giubilo, anche la follia brilla se è piena d’amore, e questo è amore viscerale per questa temeraria Società squadra bandiera e maglia.

Come ha affermato Mister Muccioli in conferenza, stasera si sono incontrate e confrontate le vere rivelazioni del girone F di serie D, il motivo oltre le qualità dei giocatori del tecnico della Società per cui la Fermana ha vinto questo campionato con grande merito, anche a dispetto di formazioni che magari all’inizio erano più quotate con budget molto più alti, credo che l’abbiano dimostrato stasera con l’atteggiamento che hanno avuto in una partita che poteva ormai essere solo una festa e giochicchiare, invece la Fermana voleva vincere a tutti i costi, dimostrando di avere una grande mentalità, degna di appartenere ad un pubblico di categoria nettamente superiore, come se tifosi e squadra fossero complementari.

DG Fabio Massimo Conti:” Sensazioni meravigliose perché credo che nemmeno il più l’ottimista poteva prevedere la vittoria del campionato con quattro giornate di anticipo. Dall’arrivo del Mister la scorsa stagione, la prima partita giocammo in Ascoli contro il Monticelli, credo che tutti quanti noi abbiamo dimostrato quello che significa mettere in campo la cultura del lavoro la professionalità la serietà, l’onestà, di persone che amano raccogliere i frutti del proprio lavoro in mezzo al campo. Siamo andati avanti sempre a testa alta anche quando le cose andavano meno bene o meglio. Ultimamente in questo girone di ritorno, sempre con la massima umiltà rispetto agli avversari, agli addetti ai lavori, a voi giornalisti, la carta stampata, la televisione, i siti internet, radio e quant’altro, e credo che la vittoria del campionato che abbiamo ottenuto, sia il coronamento  di un percorso iniziato più di un anno fa, con dei Play Off persi in maniera strana perché quella partita meritavamo di vincerla a Fano, e sul campo l’avevamo vinta se non fosse stato per le invenzioni dell’arbitro!

Dal chiasso dei ragazzi che si avvicina, penso anche che finisca male adesso!” Infatti cari lettori, i giocatori hanno fatto irruzione in sala stampa, qualcuno anche in mutande, sono saliti sul tavolo cantando gli slogan a squarciagola, emanavano odore di spumante che ha supplito il bagnoschiuma, qualcuno di loro era già ‘allegrotto’!  non hanno resistito a portare la festa sfrenata anche in sala stampa, è stato un momento indimenticabile, preoccupante vista l’irruenza ma di grande gioia!

Mister Flavio Destro:” Credo che oggi possiamo far vedere lo staff di grande merito, i ragazzi hanno avuto uno staff veramente all’altezza, tutti molto bravi, si sono sempre applicati ed è giusto omaggiarli di questo, io li ringrazio ufficialmente, sono stati per me fondamentali, mi hanno sopportato e non è facile sopportare me visto che sono molto esigente!”

Team Manager Matacotta:” Dedico questa vittoria a Mario Rossetti, se fosse qui sarebbe la persona più contenta del mondo, quindi dal profondo del cuore un abbraccio e un bacio a Mario. Per me essere qui è una gioia immensa, una cosa particolarissima perché chi è stato tifoso ultrà come me e diventa dirigente per poi vincere un campionato come questo, non c’è gioia che ti ripaghi! Se ci guardiamo in torno, Maceratese, Ancona , se vediamo cosa succede, fin che  ci sarà Vecchiola Conti e Simoni, la Fermana si guadagna tutto sul campo , guardiamoci intorno, è difficile trovare una Società onesta e pulita come la Fermana, e ve lo dico dal profondo del cuore.”

Preparatore atletico Roberto De Luce:” Ho a che fare con persone molto professionali, il Mister è una persona che si fa rispettare con la sua metodologia, e di conseguenza noi dello staff essendo suoi collaboratori riusciamo ad avere lo stesso rispetto. Credo che la soluzione sia dare tutto come i ragazzi fanno durante le partite e l’allenamento, di conseguenza siamo obbligati a dare tutto quello che abbiamo; quando si va al campo si da il cento per cento poi in automatico anche i ragazzi si esprimono al massimo. Abbiamo lavorato su degli aspetti che erano stati trascurati prima e le cose sono migliorate.  Il plauso maggiore va ai ragazzi perché dal 13 novembre al 18 dicembre hanno fatto una trafila di partite con una grinta un entusiasmo e una tenacia spaventosa che ci ha portato poi ad essere dove siamo adesso. Grazie ai ragazzi quindi e grazie al Mister che ha trasmesso la grinta che poi i giocatori mettono sempre in campo.”

Nutrizionista Postacchini:” Da un paio d’anni collaboro con la Fermana calcio, devo ringraziare la Società che ha introdotto questa figura di cui in ambito sportivo ultimamente si sente parlare, è una figura che nello sport riveste ultimamente un’ importanza tangibile, ringrazio tutto lo staff tecnico a partire dal Mister, perché quest’anno tutti noi abbiamo lavorato con molta sintonia quotidianamente insieme. Ci tengo a ricordare che questo è stato un campionato particolare per il terremoto per la neve per questioni extracalcistiche e ci siamo ritrovati a gestire i carichi di lavoro con diversi infortuni e i vari crampi, quindi ci rientra il discorso nutrizionale. Il lavoro di gruppo alla fine ha pagato, per me questa vittoria vale tantissimo, essendo un tifoso fermano. Abbiamo fatto un lavoro di squadra e  la parte tecnica è importante ma se non ci si abbina la parte nutrizionale, il lavoro può scadere, anche nella questione infortuni, deve essere tutto un discorso collegato. Quest’anno credo che abbiamo fatto un buon lavoro da questo punto di vista”.

Fisioterapista Walter Costi:”E’ stata una stagione che da un punto di vista dello staff si è lavorato con unione ascoltando tutti, ognuno ha espresso la sua opinione. E’ una stagione positiva da condividere questa vittoria con Direttore e il Tim Manager perché sono tanti anni che stiamo insieme. Voglio ringraziare il Mister per la fiducia che ci ha dato inizio anno riconfermando tutti. I complimenti vanno in primis anche ai ragazzi che hanno fatto diciotto risultati consecutivi, una cavalcata di tutto rispetto e la stagione è stata in lungo e in largo positiva.”

Preparatore dei portieri Stefano Ramundo:” Devo fare i complimenti due volte al Mister che mi ha dato questa possibilità, oltre ad essere un grande Mister è una grande persona. E’ una bella vittoria questa più delle altre perché lavorare con lui è stato bellissimo, mi ha reso partecipe in tutto, non solo per il ruolo dei portieri, mi chiedeva opinioni un confronto e mi ascoltava, questo mi ha fatto molto piacere. Sono emozionatissimo, io parlo poco quasi mai ma devo dire che questa cosa mi ha preso bene! Ho sempre lavorato con Under, tranne un anno a Montegranaro, mi piace lavorare con loro e do quello che so con tutto me stesso per quanto riguarda il portiere. I complimenti al Direttore che ha sempre saputo scegliere e vedendo i due portieri partita dopo partita anche nelle amichevoli, poi la scelta è ricaduta su Mattia, alla fine è stata quella più azzeccata, ma abbiamo scelto insieme al Mister parlando confrontandoci come abbiamo fatto sempre.”

Allenatore in seconda Vincenzo Rodia:” Vorrei ringraziare prima di tutto il Mister perché mi ha dato la possibilità di stare insieme a lui e se abbiamo vinto è perché lui ha dato tanta carica ai ragazzi, sempre, dalla mattina alla sera; poi ringrazio questo splendido staff è stato stupendo per tutto l’anno, grazie a Matacotta che rompe le scatole sempre in panchina, lo stesso Guidi. Vorrei ringraziare la Società che ci ha dato la possibilità di lavorare bene quest’anno che siamo qui, un applauso ai ragazzi che sono stati veramente grandi, anche quelli che non ci sono, hanno dato un contributo anche loro alla squadra. Grazie di tutto e forza Fermana!”

Accompagnatore Enrico Guidi:”  Quest’anno sono rientrato dopo diciannove anni e ho vinto un altro campionato quindi e per me da Fermano è come se ci fosse stato un disegno e poi con Walter  ci siamo un po’ commossi perché lui ha perso la mamma e io un anno e mezzo fa ho perso papà che come sapete qua era la sua seconda casa, quindi penso che anche dall’alto ci stia dando una mano, ma la mano più grande è stata quella del Direttore del Mister e di tutto lo staff. La cosa più bella per me è stata quella di trovare persone stupende, non voglio fare nemmeno i nomi ma è uno staff meraviglioso, ci siamo sempre trovati benissimo tutti quanti sia dal punto di vista personale che professionale , è stato bellissimo, un’esperienza straordinaria, grazie a tutti voi.”

Ufficio Stampa Dot. Marta Bitti:” Vi ringrazio tutti perché la Società è stata splendida per quello che ha fatto per questa emozione grandissima che ha fatto vivere a noi tutti e a una città intera. Il mio ruolo è proprio quello di mettere in relazione tutte le varie parti , spero di aver fatto al meglio quanto dovevo o per lo meno so di averlo fatto al massimo delle mie possibilità. Ci godiamo questa festa perché lavoriamo da tanto tempo e penso che ce la siamo meritata, è stata una bella storia e sono felice di farne parte.”

A Marta Bitti va il ringraziamento più grande da parte di noi giornalisti, perché senza il suo generoso e prezioso impegno costante che ci ha messo a nostro agio facilitando tutti noi, sarebbe stato veramente difficile se non impossibile, dunque grazie Marta per la tua gentilezza per la tua competenza e professionalità, grazie.

Primo tempo

Al 1’, angolo per gli ospiti. Al 7’, Petrucci riceve in area una palla da Gadda e sul primo palo fa gol. 1-0.  All’ 11, angolo per gli ospiti, il secondo da cui nessun sviluppo. Al 12’ Valentini si tuffa e evita il pareggio di Gagliardi.  Al 20’, angolo per gli ospiti. Al 22’, Molinari su cross di Petrucci si gira davanti alla porta ma il tiro è debole.  Al 25’, punizione per la Fermana batte a 20 mt Molinari che tira dritto in porta ed è gol, 2-0. Al 30’, punizione per la Fermana al limite dell’area, batte Ispas ma non aggancia Molinati, palla sul fondo.  Al 34’, Bussasglia segna accorcia le distanze 2-1. Al 36’, punizione batte Comotto. Al 37’ Gagliardi pareggia 2-2.  Al 39’, punizione batte Ispas. Al 42’, grandiosi passaggi azione offensiva gialloblù, un cross per  D’Angelo in girata e la palla è troppo alta, peccato! Grande classe! Al 44’ Petrucci guadagna una punizione. 2’ di recupero.

Secondo tempo

Al 9’, esce Prati entra Amati. Al 12’, punizione per la Fermana. Al 14’, entra cremona esce Misin. Esce Molinari entra Margarita. Al 26’, cross in area gialloblù ma niente di fatto. Al 27’, entra Valdes esce D’Angelo.  Al 28’, a terra punizione battuta da e Maioli tira in porta e Valentini prodigiosamente si tuffa e prende la palla. Al Al 33’ punizione per gli ospiti. Al 40’ Ispa tenta il vantaggio mentre i tifosi gridano all’unisono:” nessuno ci toglie la C1.” Al 4’ di recupero.

Fermana ( 4-3-3): Valentini, Clemente, Ispas, Gadda, Comotto, Ferrante, Petrucci, Mane, Molinari (15’ st Cremona), D’Angelo ( 27’ st Valdes), Misin ( 14’ st Margarita). A disposizione: Bottaluscio, Maghzaoui, Sene, Musumeci, Di Pinto, Fazzini. Allennatore: Flavio Destro.

Romagna Centro (4-3-3): Sarini, Ferrari, Paolini ( 16’st Mazzavillani), Gori, Maioli, Brunetti, Tola, Pasquini( 34’st Ferri), Gagliardi, Prati( 8’ st Amati), Bussaglia. A disposizione: Bissi, Magrini, Brigliadori, D’Elia, Tomassini, Battoloro, Ferri. Allennatore:  Simone Muccioli.

Tabellino – Marcatori: Petrucci al 7’ pt, Molinari al 25’ pt, Bussaglia al 34’ pt, Gagliardi 37’ pt. Angoli: 0-3. Recupero 2’+4’. Arbitro: sig. Gabriele Nube di Mestre. Assistenti: sigg. Denis Roman Fulin di Maniago e Matteo Campagnolo di Castelfranco Veneto.

Chicca Sciarresi

CONDIVIDI